Vuoi venire a vivere e lavorare a Edimburgo? Ecco i primi 6 importanti passi per incominciare la tua nuova vita

Basta! Adesso mi trasferisco all’estero!

Quante volte hai sentito questa frase dai tuoi amici o colleghi , oppure l’hai addirittura pensata tu stesso?

Ma successivamente ti sei un po’ ricreduto,

perché in fondo è un bel passo e non è pure tanto facile!

Fortunatamente sono qui apposta per aiutarti con questo nuovo articolo che ti mostra i primi 6 passi da seguire per iniziare la tua nuova vita a Edimburgo!

Incominciamo!

PASSO 1: quando partire

 

La scelta della data di partenza è sempre un po’ complicata, soprattutto quando ci si vuole trasferire in un luogo che non si conosce.

Edimburgo è una capitale ricca di opportunità e di attrattive per i turisti,
ma come tutte le altre città ha anche lei i suoi periodi morti.

Mentre ad agosto abbiamo il Fringe festival e a dicembre Natale dove il turismo proveniente da tutto il mondo affolla le strade della capitale scozzese

I mesi successivi (settembre/ottobre e gennaio/febbraio) sono privi di particolari eventi e quindi trovare lavoro risulta un po’ difficile.

La scelta migliore perciò ricade su novembre e marzo dove le attività incominciano ad organizzarsi per affrontare il delirio delle festività!

 

PASSO 2: primo alloggio, per cominciare meglio l’ostello.

 

È ovvio che sarebbe molto meglio avere fin da subito una stanza o una casa.

Il problema è che c’è il rischio molto alto di ritrovarsi in delle abitazioni quasi invivibili.

Questo perché la cultura inglese sull’igiene e sull’edilizia in generale non è delle migliori.

Se in Italia è molto importante vedere una casa prima di scegliere qui è una cosa vitale.

Ecco perché la scelta migliore e più semplice è l’ostello.

Ma come cercarlo e quale scegliere?

Ci sono diversi tipi di ostelli a Edimburgo e non è sempre facile capire quale è più giusto e utile per noi.

Fortunatamente internet ci viene in contro e tante informazioni come la posizione, la pulizia, i prezzi e i servizi si possono trovare online.

Due cose, però, sono assolutamente necessarie per la nostra scelta:

 

La posizione

È molto importante poter alloggiare vicino al centro perché  questo ci dà tanti vantaggi per gli spostamenti e per conoscere la città.

Non ci ritroveremo così dispersi alla disperata ricerca di qualche indicazione!

Inoltre, consegnare i curriculum per cercare lavoro sarà molto più semplice.

 

Il “long stay”

Ebbene si, qualche parola in inglese non fa male 🙂

Ma che cos’è questo “long stay?”

La maggior parte degli ostelli ha un massimo di giorni di permanenza, mentre alcuni offrono un servizio senza questo limite ad un prezzo più economico.

Come funziona?

Arrivati al vostro ostello, prenotato prima di partire, potrete chiedere di essere inseriti nella lista per il “long stay”

Una volta che sarà il vostro turno, avrete un letto tutto per voi senza più l’ansia di dover cercare un posto dove stare.

un buon sito da visitare per saperne di più sugli ostelli e anche prenotarli è Hostel World

 

PASSO 3: il numero inglese.

 

Una delle prime cose da fare, una volta arrivati a Edimburgo, è acquistare una sim card con una compagnia telefonica.

Potrebbe essere una cosa scontata, ma non tutti ci danno la giusta importanza.

Il numero inglese è quello che useranno  datori di lavoro e proprietari di casa per contattarvi.

Vedendo, invece, un numero straniero, non esiteranno ad ignorare la vostra richiesta.

Per il momento , non avendo un conto corrente aperto, potrete solo avere un’opzione ricaricabile.

Ci sono anche diverse offerte dette “pay as you go” che con una ricarica al mese di una somma a vostra scelta potrete avere diversi servizi come chiamate, messaggi e Internet.

 

PASSO 4: Il curriculum.

 

l curriculum è il punto di partenza per la ricerca di qualsiasi lavoro e, più è accurato, più si hanno buone possibilità di essere contattati per una “interview” (colloquio).

Ma come dobbiamo scriverlo?

Molti sono caduti nel piccolo tranello dell’ EuroPass, il formato ufficiale Europeo per i curriculum.

Qui però le cose sono un po’ diverse.

Esiste un metodo per scrivere un curriculum che è unico negli UK rispetto al resto dell’Europa. Sia per leggi sulla privacy, sia per un’abitudine tutta inglese/scozzese.

Ci sono varie tipologie di curriculum per diversi tipi di lavoro professionale.

Nel link qui sotto puoi scaricare, in maniera del tutto gratuita una nostra mini guida per un curriculum classico , cioè quello che dovrai usare se cerchi un lavoro dei più comuni (cameriere, barista, commesso ecc.)

Clicca qui -> Classic Chronological CV

Per le altre tipologie di curriculum stiamo preparando un altro articolo specifico.

 

 

PASSO 5: NIN (National Insurance Number)

 

lI National Insurance Number o NIN, è un codice che ogni persona deve avere per poter lavorare.

Tutti quanti possono tranquillamente ottenerlo, ma ci sono dei passaggi da seguire.

Prima di tutto bisogna richiedere un appuntamento all’ufficio del lavoro  (Job Centre)  chiamando il numero dedicato.

Parlerai con un operatore che ti farà alcune domande sul perché stai richiedendo il NIN e, dopo questa breve intervista, ti darà un appuntamento.

Parlerai con un operatore che ti farà alcune domande sul perché stai richiedendo il NIN e, dopo questa breve intervista, ti darà un appuntamento.

Se il tuo inglese è un po’ arrugginito puoi chiedere di avere un interprete.
Non sempre però è disponibile, perchè dipende da orari e giorni.

Una miglior soluzione è chiedere a un amico di chiamare e prenotare per te.

Una volta ricevuto un appuntamento, che di solito è dopo una o due settimane, non devi far altro che recarti all’indirizzo dell’ufficio del lavoro di riferimento con tutti i tuoi documenti e un prova di indirizzo.

Dopo l’interview ti verrà rilasciato un numero provvisorio per poter iniziare subito a lavorare e successivamente riceverai, per posta il numero ufficiale.

 

Aspetta un momento! Una prova di indirzzo?

 

Ebbene si, Per richiedere il NIN ti servirà una prova di un indirizzo di residenza UK detta anche “proof address”.

Immagino ti starai chiedendo come sia possibile fornirla se nemmeno hai una casa.

Per questo motivo abbiamo scritto un articolo appositamente per aiutarti in questo. Troverai il link alla fine 🙂

 

PASSO 6: Conto corrente

 

L’ultimo passo, ma non meno importante, è l’apertura di un conto corrente bancario.

Essenziale perché ogni stipendio viene automaticamente versato sul vostro conto.
Insomma, di regola, non esistono pagamenti cash o in nero! 🙂

 

Aprire un conto è molto semplice, basta recarsi in una qualsiasi banca UK e fare una richiesta di apertura di un nuovo conto corrente (“Bank Account”)

Come con il NIN, ti verrà dato un appuntamento dove dovrai portare tutti i tuoi documenti e una prova di indirizzo.(link a fine articolo)

Alcune banche però sono più predisposte ad aprire nuovi conti di altre, questo anche senza una particolare regola, perché a volte, può variare anche da filiale a filiale

Ma non avere paura, dopo qualche tentativo riuscirai ad aprire il tuo conto senza problemi.

Le banche che ti suggerisco sono “Bank of Scotland” e “TSB”, perché per la mia esperienza e quella dei miei colleghi, sono quelle più flessibili e con le quali incontrerai meno problemi.

Una volta aperto il tuo conto riceverai, per posta, due diverse buste: una contenente il bancomat e l’altra contenente il PIN.

 

Adesso sei pronto per partire alla ricerca di una casa e di un lavoro!

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile e se hai bisogno di qualche informazione in più iscriviti alla nostra newsletter per non perderti ogni novità di “Vivere a Edimburgo”.

Mi raccomando: facci sapere com’è andata commentando qui sotto e se l’articolo ti è piaciuto o lo reputi interessante condividilo con chi potrebbe averne bisogno!

 

Qui sotto trovi il link per l’articolo che ti aiutera con la prova di indirizzo.

CLICCA QUI’ –> articolo

 

Alla Prossima!

One thought on “Vuoi venire a vivere e lavorare a Edimburgo? Ecco i primi 6 importanti passi per incominciare la tua nuova vita

  • Avatar
    24 Settembre 2019 at 12:19
    Permalink

    Buongiorno , sono un papà di un giovanotto appena diplomato all’istituto alberghiero di anzio (RM), desideroso di fare fare una esperienza lavorativa per mio figlio Simone , il ragazzo proviene gia’ da stage e periodi lavorativi fatti in alcuni ristoranti di medio livello in zona di residenza , lo stesso fatti con ottimi risultati dati riscontrabili dai datori di lavoro …Con la speranza che mi possiate dare buoni consigli ed ottime indicazioni per il cammino professionale del ragazzo auguro a tutti voi una buona giornata .-//

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *